Il percorso formativo, nella sua nuova edizione 2011 (rev.002) completo e dettagliato analizza in modo puntuale il ruolo e le attività dei tecnici nell’esercizio dell’incarichi originati dalle procedure civili nella pubblica giurisdizione alla luce delle modifiche sostanziali apportate dalla riforma del processo della legge n°80/2005 e dalla più recente Legge n°69/2009.
Appare, infatti, sempre più utile a chi non è un tecnico del diritto ma che è chiamato, in vario modo a compiere il delicato compito di esperto per il magistrato, fornire gli strumenti ed i mezzi di valutazione e comprensione per consentirgli  di poter adempiere in modo corretto e compiuto al mandato affidato senza deviare dalle previsioni codicistiche. Non è infatti detto che un tecnico competente sia necessariamente un buon esperto per il giudice poiché la particolare attività a cui è chiamato richiede preparazione, conoscenza ed anche qualità personali non comuni.
Analizzando ogni momento e fase dell’attività del consulente tecnico d’ufficio e dell’ausiliario giudiziario, dalla notifica dell’ordinanza di nomina all’eventuale supplemento di consulenza, attraverso esemplificazioni e specifici casi di studio, il professionista potrà comprendere ed approfondire i diversi aspetti dell’incarico, gli obblighi, la prassi e le metodologie pratiche di lavoro al fine di compiere nel miglior modo l’incarico.
Il corso cura poi la figura ed il ruolo del consulente tecnico di parte, spesso sottovalutato dagli stessi professionisti, e che invece riveste una fondamentale importanza per gli esiti e per il raggiungimento degli obiettivi che si perseguono nel procedimento giudiziario.
Inoltre il corso, nella sua ampia ed esaustiva articolazione, tratta in modo puntuale, capillare ed innovativo il tema dei compensi del CTU, mediante una pratica lettura combinata tra norma e giurisprudenza, casi di studi e test e pratiche esemplificazioni per guidare il partecipante alla compilazione della richiesta di liquidazione, i recenti obblighi per la privacy introdotti dal Garante dalla deliberazione n°46/2008 Conclude il corso un pratico test interattivo per verificare il grado di apprendimento di ciascun partecipante.
Il percorso formativo proposto, si inserisce a pieno titolo nell’ambito della formazione permanente, componente imprescindibile della vita del professionista  in particolare nel settore delle attività per l’autorità giudiziaria  ove le responsabilità e la specializzazione del tecnico diventano sempre più rilevanti.

(Al corso sono riconosciuti i crediti formativi del C.N.G.e G.L.)

Programma generale (ore 16):

MODULO I - IL CONSULENTE TECNICO E L'AUSILIARIO GIUDIZIARIO
- Il consulente tecnico 
- Inquadramento codicistico
- L'albo e le responsabilità del C.T.U.
- La consulenza nella pratica: passo dopo passo 
- La consulenza in materia di esecuzioni immobiliari
- La consulenza in materia di esecuzioni in forma specifica

MODULO II - IL CONSULENTE TECNICO DI PARTE, LA CONCILIAZIONE E MEDIAZIONE ED IL CALCOLO DEGLI ONORARI DEL CTU
- Il consulente tecnico di parte
- La conciliazione e mediazione
- I compensi del C.T.U. e loro classificazione
- Aspetti rilevanti nell'applicazione della normativa tra dottrina e giurisprudenza
- Il documento per la richiesta del compenso, il decreto di liquidazione e sua opposizione
- Esempi pplicativi dei criteri nelle varie fattispecie d'incarico
- Casi di studio sui compensi
- Test di autovalutazione sui temi del corso

Il corso può essere accompagnato dalle pubblicazioni "L'esperto del Giudice" II ediz.di Paolo Frediani, Simone editore, Napoli 2011 e "Manuale dei compensi del C.T.U." II ediz. di Paolo Frediani, Simone editore, Napoli 2008.

  

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare questo sito web acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.